Lesione del retto femorale

La lesione del retto del femore è sono uno degli infortuni muscolari acuti molto frequenti negli sport in cui sono presenti meccanismi di calciata, accelerazione e decelerazione. L'anatomia e le biomeccanica di questo muscolo lo rendono molto più suscettibile all'infortunio rispetto agli altri componenti del quadricipite. La letteratura non mostra linee guida o proposte di trattamento cosi esaustive come per le lesioni degli hamstring e proprio per questo abbiamo raccolto le best evidence e l'esperienza clinica per delineare una modello riabilitativo che possa aiutare nella gestione di questa problematica. Durata: 1 ora e 2 minuti.
Roberto Ricupito · 7 Settembre 2022

Il Docente

Roberto Ricupito

fisioterapista laureato in scienze motorie e master di primo livello in terapia manuale presso l’Università di Verona. Titolare dello studio Restart Physiotherapy in Roma, autore dei libri tendinopatia dell’arto inferiore e riabilitazione del legamento crociato anteriore, docente presso corsi di formazione Fisioscience in che abilitazione delle tendinopatia dell’arto inferiore riabilitazione delle lesioni muscolari e riabilitazione del legamento crociato anteriore e valutazione dell’arto inferiore.

13 Corsi

Contact
+2744 enrolled
Open Registration

Corso Includes

  • 1 Lezione
  • Corso Certificate

Responses

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Lezione interessante. Ho una domanda/consiglio : come agire se atleta risponde ai test in modo valido per un RTS ma dall’esame ecografico permane una piccola lezione muscolare?

  2. Grazie per il complimento. L’esame ecografia non è altrettanto utile come la RMN per stabilire il RTP.
    Vorresti sapere se la RMN è utile per comprendere se il Paz avrà un RTP livello pre infortunio o se ha valore prognostico per il rischio di re-infortunio?

  3. Grazie Roberto per la lezione, super preciso. Ho una domanda: nel contesto di una squadra molto spesso capita che il mister chieda delle tempistiche per questo tipo di lesioni. A seconda dell’imaging possiamo “stadiare” o meno la lesione. Certamente in un contesto diverso possiamo dire le tempistiche “a spanne” al nostro atleta anche in base alla sintomatologia, ma in questo caso come ti comporteresti? Se il mister/coach appena usciti esami dell’imaging ti chiede fra quanto tempo l’atleta può essere a disposizione? Grazie

  4. Ciao Elena, diciamo che la RMN ha scarso valore prognostico.
    Sulla base di studi in larga scala una lesione di prima grado ha una tempistica media di RTP di 15 giorni, una di secondo grado di 23 + o – 19, terzo grado dai 45 a 3 mesi dipende dal paziente.
    Purtroppo i fattori associati che rendono la prognosi più complessa sono molti e alcuni possono rendere il RTP più lungo

  5. Ciao Roberto. Per una lesione muscolare dell’ileopsoas i criteri di trattamento sono simili con meno focus sulla biarticolarità come nel caso del retto femorale? Grazie per la risposta e per la chiarezza del corso.

×

 

Ciao!

Clicca qui sotto per contattarci attraverso Whatsapp!

× Come possiamo aiutarti?